Prof. Alessandro Palmieri    Professore di Urologia presso la Clinica Urologica dell'Università di Napoli Federico II    Studio Galleria Vanvitelli, 37    80129    NAPOLI   Telefono 081 5786858
 
video ed articoli Prof.Palmieri
Biografia
Andrologia
Urologia
FAQ - Domande frequenti
Siti consigliati
Contatti
Area riservata
Webmail
Trattamento onde d'urto
Andrologia
Trattamento con onde d'urto per disfunzione erettile e induratio

Le onde d'urto a bassa intensità (LI-ESWT) hanno proprietà angiogeniche e sono state sperimentate nel trattamento di ferite croniche, neuropatia periferica, e nel tessuto cardiaco ischemico post-infarto.
Trovano sempre maggior utilizzo in campo Uro-Andrologico, in particolare nel trattamento della Induratio Penis Plastica (Malattia di La Peyronie), della Disfunzione Erettile e del Dolore Pelvico Cronico.
Le onde d'urto a bassa intensità sono deboli ed interagiscono con i tessuti profondi causando stress e microtraumi meccanici con conseguente rilascio di fattori angiogenici che inducono la neovascolarizzazione dei tessuti colpiti e migliorano il flusso di sangue (migliore emodinamica).
Da studi anatomo-patologici è emerso che le onde d'urto a bassa intensità stimolano:
- il rilascio da parte del tessuto cavernoso del pene di fattori di crescita vascolari VEGF (Vascular Endotelial Growth Factor) ed endoteliali (Endotelio= rivestimento interno dei vasi deputato alla produzione di nitrossido-NO).
- L'NO è una molecola ad alto potere vasodilatatorio principale induttore dell'erezione; la sua produzione è stimolata dai farmaci inibitori delle PDE-5.
- Incremento della produzione di NO in seguito ad incremento dell'attività dell'enzima Nitrossido sintetasi (NOS).
- Incremento della produzione del fattore di crescita nucleare
(PCNA = Proliferating Cell Nuclear Antigen) deputato alla riparazione del DNA danneggiato da stress ossidativi
- Rigenerazione tissutale da migrazione di cellule mesenchimali e cellule progenitrici (CPCs).

Schema
Incremento della superficie e della funzionalità endoteliale (VEGF, PCNA)

Incremento biodisponibilità di NO e NOS

Risposta massimale allo stimolo erotico

Migliore risposta alla terapia orale anche nei non-responsivi

E' ormai dimostrato che con il passare degli anni il tessuto elastico del pene viene sostituito gradualmente da tessuto anelastico tipo collagene, se poi tale fenomeno è associato al calo della produzione di testosterone, l'insorgenza di disfunzione erettile è inevitabile ed il ricorso alla terapia medica diventa inevitabile.
Stesso fenomeno anche se in maniera più accentuata è stato notato dopo chirurgia pelvica (prostatectomia radicale) ed in corso di malattia di Peyronie (formazione di placche collageniche, fibrose e calcifiche associate o meno ad accorciamento e/o all'insorgenza di deformazioni del pene) .
Le onde d'urto a bassa intensità differentemente da quelle a più alta intensità, in seguito allo stimolo neoangiogenetico e quindi alla migliore ossigenazione del pene sembrano contrastare tale fenomeno e l'involuzione del processo è tanto più evidente quanto più precoce è l'inizio del trattamento.
E' come se il tessuto colpito dalle onde d'urto si rigenerasse tanto che viene anche proposto come terapia preventiva della DE dopo i 40 anni specie nei pazienti a rischio maggiore (Ipertesi, obesi, diabetici, vasculopatici, fumatori ecc.).
L'effetto del trattamento è ben evidente dopo 4 settimane dall'inizio del trattamento ma sembra non avere un effetto permanente tendendo a regredire gradualmente. Dopo due anni il problema si ripresenta nel 50 percento dei pazienti che teoricamente dovrebbero sottoporsi ad un nuovo ciclo riabilitativo.

Effetti delle onde d'urto a bassa intensità
-
Miglioramento attività erettile spontanea ed indotta
- Stimolazione della rigenerazione nervosa
- Ripristino della funzione endoteliale specie nella produzione di NO
- Ripristino elasticità della muscolatura liscia
- Reclutamento delle cellule mesenchimali (cellule con ruolo
rigenerativo)


Indicazioni con differenti schemi di applicazione
- Disfunzione erettile su base vascolare
- Dolore pelvico cronico/Prostatiti croniche abatteriche (effetto
miorilassante ed antispastico della muscolatura del piano perineale
spesso origine della causa del dolore cronico)
- Induratio penis plastica (Malattia di Peyronie)
- Pazienti candidati alla chirurgia protesica peniena
- Prevenzione della Disfunzione Erettile

 
  • Svizzera, pullman da Genova si schianta vicino a Zurigo: morta un'italiana, 44 i feriti - TGCOM
  • Roberto Fico: “Troppe fiducie? Ho parlato con Fraccaro: da gennaio meno decreti - Il Fatto Quotidiano
  • Incendio in appartamento, morta donna - Ultima Ora - Agenzia ANSA
  • Confonde Adriano Sofri con Cesare Battisti: la gaffe del senatore Pepe (Lega) - L'Espresso
    Leggi tutte le news